Ministero per i Beni e le Attivita' Culturali-Direzione generale archivi

 
Servizio Archivistico Nazionale
 

Rete degli archivi 'per non dimenticare'

 
cerca nel portale
 

news

 
 
 
Torrita Tiberina (Roma), 27 giugno 1978 Lettera di Carlo Salciccia, maresciallo dei Carabinieri di Torrita Tiberina, ad Aldo Moro - Centro documentazione Archivio Flamigni, Fondo Aldo Moro

Torrita Tiberina (Roma), 27 giugno 1978 Lettera di Carlo Salciccia, maresciallo dei Carabinieri di Torrita Tiberina, ad Aldo Moro - Centro documentazione Archivio Flamigni, Fondo Aldo Moro

 
 


Monte del Lago, Magione (PG), 7 settembre 2018 | Mostra-evento Aldo Moro. Lettere nel tempo

Venerdì 7 settembre 2018, a Monte del Lago, Magione (Pg), si inaugura la mostra-evento Aldo Moro. Lettere nel tempo, nell'àmbito della VII edizione del Festival delle Corrispondenze (6-9 settembre).

In anteprima nazionale una selezione delle migliaia di lettere originali arrivate alla famiglia Moro da ogni parte del Paese, dal 1978 al 2008.

Un fenomeno con pochi precedenti che illustra l'Italia, gli italiani e la profondità del rapporto del Paese con Aldo Moro. Furono oltre diecimila le lettere spedite a Eleonora Chiavarelli, moglie e poi vedova dell'allora Presidente della DC, dai giorni immediatamente successivi al sequestro (16 marzo 1978) fino al 2008, che la vedova di Moro conservò in diversi faldoni apponendo la dicitura «Carteggio di solidarietà», senza mai renderle pubbliche. Alla sua morte, per volontà dei figli, le lettere sono state depositate presso l'Archivio Flamigni, affinché provvedesse alla loro tutela e valorizzazione.
Oltre ad una selezione dell'inedita collezione di missive, sono esposte anche alcune foto che raccontano la vita di Moro (conservate presso l'Archivio Flamigni), teche dedicate al periodico «il Borghese», settimanale fortemente avverso a Moro, con le foto e le vignette con cui per anni la destra bersagliò lo statista. In mostra anche la riproduzione del Memoriale scritto nel carcere delle Brigate rosse (edito dalla Commissione parlamentare sul terrorismo e le stragi nel 1991) e alcuni disegni con i quali bambini delle scuole elementari "interpretarono" il sequestro e l'omicidio.

Sempre dedicati alla memoria di Moro sono altri due appuntamenti del festival umbro: il reading del giornalista Marco Damilano, Che cosa ha perso l’Italia con la morte di Moro. Perché i fatti tragici del 1978 spiegano il nostro presente e il nostro futuro, e la lectio magistralis di Miguel Gotor, Aldo Moro. Lettere dalla prigionia, in programma domenica 9 settembre.