Ministero dei beni e delle attivita' culturali e del turismo-Direzione generale archivi

 
Servizio Archivistico Nazionale
 

Rete degli archivi 'per non dimenticare'

 
cerca nel portale
 

news

 
 
 
 
 


Premiazione del concorso "Tracce di memoria"

A Roma, l'8 maggio (presso l'Archivio Centrale dello Stato) e il 9 maggio 2015, Giorno della Memoria (a Palazzo Madama, sede del Senato), vengono premiati gli studenti delle scuole che hanno partecipato al concorso nazionale "Tracce di memoria", bandito dalla Rete degli archivi per non dimenticare, in collaborazione con il Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo e del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca.

Gli studenti delle scuole di vario ordine e grado di Istruzione, qui e là per l'Italia, coadiuvati dagli insegnanti, hanno partecipato in forma individuale e di gruppo, dando vita a elaborati di diversa natura e struttura (testi, canzoni, fumetti, materiali sonori e video), in cui hanno mostrato la capacità di rielaborare creativamente - anche attingendo ai materiali contenuti nel Portale della Rete degli archivi per non dimenticare - notizie e interpretazioni relative all'oscuro periodo attraversato dal nostro Paese nei decenni degli attacchi terroristici e delle trame segrete miranti a colpire la democrazia, con il tragico corredo di tante vittime innocenti.

Qui di seguito, i nomi dei vincitori del concorso, con l'illustrazione sintetica della natura del loro lavoro nelle motivazioni del premio.

Per la scuola secondaria di II grado
ITC Fioravanti-Belluzzi 4A – Bologna: "2-agosto-1980-non-cero-ma-so"
Ventuno minuti di trasmissione radiofonica sono il prodotto finale pensato e realizzato dagli studenti dopo aver affrontato un percorso didattico approfondito e partecipato sugli Anni Settanta e sulla strage alla stazione di Bologna in particolare. In questa trasmissione sono raccolte e raccontate informazioni storiche, testimonianze, canzoni interpretate dal vivo dagli studenti stessi con un livello di coinvolgimento e di partecipazione estremamente alto. Meritevole l'aver dato voce ad una vittima e al suo ricordo. La modalità e il linguaggio del prodotto permettono di ottenere una larga divulgazione che va ben oltre l'àmbito scolastico.

Per la scuola secondaria di I grado
Secondaria di I grado L. C. Farini 3E - Bologna: "Uno Bianca, ma noi siamo tanti"
Partendo da un lavoro sul territorio, in specifico dall'analisi del monumento dedicato alle vittime della Uno bianca, la classe ha ricostruito, attraverso un laboratorio storico, le vicende legate a quei fatti. Il videoclip che gli studenti hanno realizzato con grande precisione e competenze comunicative ci mostra la profonda conoscenza del tema e la capacità di inserirlo e rielaborarlo in un percorso di cittadinanza attiva.

Ex aequo
Secondaria di I grado Caduti di Piazza Loggia 3I - Istituto Comprensivo di Ghedi (BS): "Conoscere per non dimenticare: Una canzone per Piazza della Loggia"
La trasmissione della memoria si unisce alla conoscenza della strage di Piazza Loggia e viene raccontata attraverso una canzone e un videoclip elaborato, scritto e interpretato interamente dagli studenti. Il testo ci restituisce un lavoro completo, un racconto e un ricordo delle vittime, di quegli anni, delle reazioni al terrorismo. Le modalità del narrare permettono una larga diffusione di questo lavoro.

Per la scuola primaria
Primaria Villa Torchi 5A-5B - Istituto Comprensivo 4 Bologna: "La memoria come un tesoro"
Gli alunni delle due classi hanno saputo restituire con grande sensibilità, precisione ed acutezza critica le conoscenze e le abilità acquisite attraverso un percorso laboratoriale partito da un lavoro sul territorio e, nello specifico, da una lapide posta nel giardino della scuola che ricorda i bambini uccisi nella strage del 2 agosto 1980. Attraverso la rielaborazione grafica, la scrittura di testi e di fumetti ha costruito un percorso espositivo attraverso il quale ci prendono per mano e, parlando al cuore e alla testa di tutti noi, ci conducono ad una intensa condivisione.