Ministero dei beni e delle attivita' culturali e del turismo-Direzione generale archivi

 
Servizio Archivistico Nazionale
 

Rete degli archivi 'per non dimenticare'

 
cerca nel portale
 

news

 
 
 
 
 


Lombardia e Sicilia: al via "Terrorismi e mafie"

Prende il via il progetto Terrorismi e mafie: una storia ancora da scrivere, promosso dall'Archivio Flamigni in partenariato con l'Archivio di Stato di Milano, la Casa della memoria di Brescia, la Soprintendenza archivistica della Sicilia, l'Archivio di Stato di Palermo, il Consorzio SOLE e Officina 22.

Si concretizza per la prima volta la possibilità di censire la documentazione esistente sui fatti di terrorismo, violenza politica e criminalità organizzata avvenuti in territorio siciliano, e il successivo lavoro di divulgazione dei risultati raggiunti. L'esperienza maturata soprattutto in Lombardia a partire dal 2003 nei lavori di censimento e digitalizzazione di documentazione giudiziaria costituisce la base per un'azione mirata a generalizzare la metodologia, così da estenderla a tutto il territorio nazionale a partire dalla regione Sicilia. In primis sarà completata l'operazione di censimento, digitalizzazione, ordinamento e messa on line di tutti i documenti giudiziari lombardi, avviando parallelamente e per la prima volta, analoghe azioni di censimento e digitalizzazione della documentazione conservata nei tribunali siciliani.

Terrorismi e mafie: una storia ancora da scrivere promuoverà tra l'altro l'inclusione al lavoro di soggetti deboli (ex internati dell'ospedale psichiatrico giudiziario), che saranno impegnati nelle attività conservative della documentazione.

Con il varo del progetto, si dà per la prima volta concretezza operativa agli obiettivi del protocollo d'intesa, firmato il 6 maggio del 2015 dal Ministero della Giustizia e dal Mibact. L'accordo prevede di avviare un programma organico di descrizione e digitalizzazione delle carte giudiziarie che costituiscono la fonte prioritaria per lo studio della storia dell'Italia repubblicana, relativamente ai filoni del terrorismo, della violenza politica e della criminalità organizzata. Le attività previste dal progetto fanno capo all'Archivio Flamigni, promotore e coordinatore della Rete degli archivi per non dimenticare.

L'obiettivo di creare una banca dati unica delle fonti giudiziarie italiane conservate nei tribunali sarà raggiunto attraverso la pubblicazione online dei documenti censiti e digitalizzati su una nuova piattaforma informatica che potrà essere utilizzata per finalità di indagine, educative, di studio e ricerca, implementando la prima sperimentazione avviata insieme al MIBACT con la pubblicazione integrale di tutti i documenti pubblici della Commissione parlamentare d'inchiesta sulla loggia massonica P2 su www.fontitaliarepubblicana.it. Obiettivo secondario del progetto è quello di sviluppare competenze diffuse in ambito archivistico e tecnico digitale. A tal fine saranno realizzati due corsi intensivi aperti alle risorse umane di tutti i partner progettuali.