Ministero per i Beni e le Attivita' Culturali-Direzione generale archivi

 
Servizio Archivistico Nazionale
 

Rete degli archivi 'per non dimenticare'

 
cerca nel portale
 

1977

 
 
 
 

18 febbraio 1977 Omicidio di Lorenzo Forleo. A Carpenedolo (Brescia) l'appuntato dei Carabinieri Lorenzo Forleo, nel tentativo di sventare un furto, viene ucciso da estremisti di destra.

19 febbraio 1977 Omicidio di Lino Ghedini. Sulla strada provinciale per Rho (Milano), durante un pattugliamento, il brigadiere della pubblica sicurezza Lino Ghedini è ucciso da un militante dei Gruppi di azione partigiana.

11 marzo 1977 Morte di Francesco Lorusso. A Bologna, negli scontri tra forze dell'ordine e studenti di sinistra che contestano un convegno di Comunione e liberazione, è ucciso lo studente di medicina Francesco Lorusso, di Lotta continua.

12 marzo 1977 Omicidio di Giuseppe Ciotta. A Torino il brigadiere di pubblica sicurezza Giuseppe Ciotta è ucciso in un agguato rivendicato dalle Brigate combattenti-Prima linea.

12 marzo 1977 Omicidio di Rocco Gatto. A Gioiosa Jonica (Reggio Calabria), è ucciso Rocco Gatto, mugnaio, militante comunista impegnato nella lotta contro la 'ndrangheta. Aveva subito tentativi di estorsione e ricevuto minacce.

22 marzo 1977 Omicidio di Claudio Graziosi. A Roma, la guardia di pubblica sicurezza Claudio Graziosi, riconosciuti su un autobus due militanti dei Nuclei armati proletari, tenta di assicurarli alla giustizia, rimanendone ucciso. I nappisti fuggono tra la folla inseguiti dalle forze dell'ordine; nell'inseguimento rimane ucciso Angelo Cerrai.

1° aprile 1977 Strage di Razzà. A Razzà di Taurianova (Reggio Calabria), in un conflitto a fuoco davanti a una casa nella quale si stava svolgendo un summit di mafia, vengono uccisi l'appuntato dei carabinieri Stefano Condello e il carabiniere Vincenzo Caruso; sono uccisi anche Rocco e Vincenzo Avignone

21 aprile 1977 Omicidio di Settimio Passamonti. All'Università di Roma "La Sapienza" e nelle zone limitrofe, gravi scontri provocati da gruppi di autonomi; muore l'allievo sottufficiale di pubblica sicurezza Settimio Passamonti.

28 aprile 1977 Omicidio di Fulvio Croce. A Torino un commando delle Brigate rosse uccide il presidente del Consiglio dell'ordine degli avvocati di Torino, Fulvio Croce, che aveva assunto la difesa d'ufficio dei brigatisti processati.

4 maggio 1977 Omicidio di Pasquale Polverino. A Napoli, è ucciso durante una rapina il cameriere Pasquale Polverino.

12 maggio 1977 Omicidio di Giorgiana Masi. A Roma viene vietata una manifestazione organizzata dal Partito radicale. Negli scontri rimane uccisa la studentessa Giorgiana Masi.

14 maggio 1977 Omicidio di Antonio Custra. A Milano, durante una manifestazione organizzata dall'Autonomia operaia per protestare contro la morte di Giorgiana Masi, viene ucciso a colpi d'arma da fuoco il vicebrigadiere di pubblica sicurezza Antonio Custra.

30 giugno 1977 Omicidio di Remo Pietroni. A Firenze, la guardia giurata Remo Pietroni è uccisa da tre giovani del Fronte della gioventù, che sorprende mentre preparano un attentato.

1° luglio 1977 Morte di Antonio Lo Muscio. A Roma, Antonio Lo Muscio, dei Nuclei armati proletari, è ucciso in un conflitto a fuoco con le forze dell'ordine.

8 luglio 1977 Omicidio di Mauro Amato. A Roma, lo studente Mauro Amato è ucciso per errore in un ristorante da esponenti di Lotta armata per il comunismo, che lo hanno scambiato per il suo commensale, Domenico Velluto, agente di custodia.

27 agosto 1977 Sequestro di Mariangela Passiatore. A Brancaleone (Reggio Calabria), dove si trova in vacanza con la famiglia, è sequestrata Mariangela Passiatore, di 44 anni, che non sarà più ritrovata.

15 luglio 1977 Omicidio di Donald Mackay. A Sidney (Australia), è ucciso Donald Mackay, agente della squadra antidroga che aveva arrestato quattro persone di origini italiane.

20 agosto 1977 Omicidio di Giuseppe Russo e di Filippo Costa. A Corleone (Palermo), nella piazza del borgo di Ficuzza, sono uccisi l'ex colonnello dei carabinieri Giuseppe Russo e l'insegnante Filippo Costa, che lo accompagna. L'omicidio è stato collegato con le indagini del colonnello Russo sul sequestro dell'esattore Corleo e con altre indagini.

29 settembre 1977 Omicidio di Elena Pacinelli. A Roma, in piazza Igea (oggi piazza Walter Rossi) da un'auto vengono sparati colpi di pistola contro un gruppo di giovani di sinistra. È colpita mortalmente la studentessa Elena Pacinelli, di 19 anni.

30 settembre 1977 Omicidio di Walter Rossi. A Roma lo studente Walter Rossi, di Lotta continua, viene ucciso da un proiettile nel corso di una manifestazione.

1° ottobre 1977 Omicidio di Roberto Crescenzio. A Torino, durante la protesta per l'uccisione di Walter Rossi, viene ucciso lo studente Roberto Crescenzio.

3 novembre 1977 Omicidio di Giuseppe Saporito. A Milano, nel corso di una rapina all'ufficio postale di via Castel Morrone da parte di elementi vicini ai Nuclei armati proletari (Nap), nello scontro a fuoco tra una guardia giurata e uno dei rapinatori, che si era rifugiato nell'automobile di Saporito, è ucciso Giuseppe Saporito, operaio dell'Alemagna di 35 anni.

28 novembre 1977 Omicidio di Benedetto Petrone. A Bari, durante una "caccia all'uomo", alcuni neofascisti uccidono a coltellate Benedetto Petrone, iscritto alla federazione giovanile del Pci. 

29 novembre 1977 Omicidio di Carlo Casalegno. A Torino il vicedirettore del quotidiano «La Stampa», Carlo Casalegno, muore in seguito all'attentato delle Brigate rosse del 16 novembre.

30 novembre 1977 Omicidio di Attilio Bonincontro. A Palermo, un commando di killer uccide il maresciallo degli agenti di custodia dell'Ucciardone Attilio Bonincontro.

28 dicembre 1977 Omicidio di Angelo Pistolesi. A Roma, è ucciso da ignoti davanti alla propria abitazione l'impiegato Angelo Pistolesi, di 31 anni, iscritto al Msi-Dn.