Ministero per i Beni e le Attivita' Culturali-Direzione generale archivi

 
Servizio Archivistico Nazionale
 

Rete degli archivi 'per non dimenticare'

 
cerca nel portale
 

1973

 
 
 
 

23 gennaio 1973 Omicidio di Roberto Franceschi. A Milano, dinanzi all'Università "Luigi Bocconi", è mortalmente ferito alla nuca da un proiettile esploso da un agente di Polizia lo studente Roberto Franceschi, del Movimento studentesco; morirà alcuni giorni dopo senza aver ripreso conoscenza.

21 febbraio 1973 Omicidio di Vincenzo Caporale. A Napoli, ferito da un candelotto durante un corteo contro la legge sul fermo di polizia, muore qualche giorno dopo lo studente Vincenzo Caporale, di 19 anni.

12 aprile 1973 Omicidio di Antonio Marino. A Milano, negli scontri fra forze dell'ordine e militanti del Movimento sociale italiano, muore la guardia di pubblica sicurezza Antonio Marino, ucciso da una bomba.

16 aprile 1973 La strage di Primavalle. A Roma muoiono i fratelli Virgilio e Stefano Mattei, figli del segretario della sezione di Primavalle del Movimento sociale italiano, in un attentato incendiario alla loro abitazione.

17 maggio 1973 La strage alla questura. A Milano, dinanzi alla questura, nel corso di una manifestazione commemorativa di Luigi Calabresi, un militante dell'estrema destra lancia una bomba tra la folla. Rimangono uccisi Felicia Bartolozzi, Gabriella Bortolon, Federico Masarin e Giuseppe Panzino. Circa 50 i feriti.

31 luglio 1973 Morte di Giuseppe Santostefano. A Reggio Calabria, durante i tafferugli a margine di un comizio del Partito comunista italiano, muore un simpatizzante del Movimento sociale italiano, Giuseppe Santostefano.

17 dicembre 1973 Strage dell'aeroporto di Fiumicino. Nell'aeroporto di Roma-Fiumicino, militanti di un commando palestinese di "Settembre nero" lanciano bombe al fosforo in un aereo della PanAm, uccidendo 30 persone (tra queste quattro italiani: Raffaele Narciso, Giuliano De Angelis, la moglie Emma Zanghi e la loro figlioletta Monica De Angelis). Muore anche Antonio Zara, della Guardia di finanza, che tenta di opporsi. Si impadroniscono quindi di un aereo Lufthansa, facendovi salire alcuni ostaggi, e costringono l'equipaggio al decollo. A bordo dell'aereo Lufthansa uccidono il tecnico della società Asa, Domenico Ippoliti, il cui corpo è abbandonato sulla pista di Atene, dove l'aereo fa scalo. Il giorno successivo, dopo che altri aeroporti avevano rifiutato il permesso di atterrare, l'aereo si ferma nell'aeroporto di Kuwait City, dove sono liberati gli ostaggi; i terroristi sono arrestati e consegnati all'Olp. Di loro, compresa l'identità, non si sono mai avute informazioni.