Ministero per i beni e le attivita' culturali e per il turismo-Direzione generale archivi

 
Servizio Archivistico Nazionale
 

Rete degli archivi 'per non dimenticare'

 
cerca nel portale
 

1980

 
 
 
 

6 gennaio 1980 Omicidio di Piersanti Mattarella. A Palermo, in via Libertà, è ucciso il presidente della Regione e dirigente democristiano Piersanti Mattarella. Si era impegnato in un'azione di moralizzazione della vita pubblica, bloccando alcuni appalti a cui erano interessati imprenditori mafiosi e si adoperava per un rinnovamento del quadro politico aperto al coinvolgimento del Partito comunista.

8 gennaio 1980 L'imboscata ad Antonio Cestari, Rocco Santoro e Michele Tatulli. A Milano, sono uccisi in un agguato delle Brigate rosse tre agenti di pubblica sicurezza: la guardia Michele Tatulli, l'appuntato Antonio Cestari e il vicebrigadiere Rocco Santoro

25 gennaio 1980 L'agguato a Emanuele Tuttobene e Antonio Casu. A Genova, il tenente colonnello dei Carabinieri Emanuele Tuttobene e l'autista appuntato Antonino Casu sono uccisi in un agguato da un commando delle Brigate rosse.

29 gennaio 1980 Omicidio di Sergio Gori. A Mestre (Venezia), è ucciso Sergio Gori, vicedirettore del Petrolchimico di Marghera. Rivendicazione delle Brigate rosse.

 
31 gennaio 1980 Omicidio di Carlo Ala. A Settimo Torinese (Torino), in una fabbrica del gruppo Fiat, è ucciso il sorvegliante Carlo Ala e ferito un suo collega. Rivendicazione dei Nuclei comunisti territoriali.
 
5 febbraio 1980 Omicidio di Paolo Paoletti. A Monza, Paolo Paoletti, dirigente dell'Icmesa, è ucciso da un commando di Prima linea.
 
6 febbraio 1980 Omicidio di Maurizio Arnesano. A Roma, è ucciso da militanti dei Nuclei armati rivoluzionari l'agente di pubblica sicurezza Maurizio Arnesano, in servizio davanti all'ambasciata libanese.
 
7 febbraio 1980 Omicidio di William Vaccher. A Milano un commando di Prima linea assassina William Vaccher, già militante della stessa organizzazione, poi testimone nei processi sulla morte di Emilio Alessandrini e Pierluigi Torregiani.
 
12 febbraio 1980 Omicidio di Vittorio Bachelet. A Roma, Vittorio Bachelet, vicepresidente del Consiglio superiore della Magistratura, è ucciso all'università da un commando delle Brigate rosse.
 
22 febbraio 1980 Omicidio di Valerio Verbano. A Roma, è ucciso nella sua abitazione Valerio Verbano, studente e militante dell'Autonomia operaia.  
 
25 febbraio 1980 Omicidio di Iolanda Rozzi.A Roma, la casalinga Iolanda Rozzi muore all'ospedale in seguito alle gravi ustioni riportate nell'incendio della propria abitazione, provocato il 28 gennaio. L'attentato, rivendicato dai Nuclei proletari combattenti, doveva colpire la sorella Rosa Rozzi, dirigente della sezione della Democrazia cristiana del quartiere Torpignattara.
 
10 marzo 1980 Omicidio di Luigi Allegretti. A Roma, è ucciso il cuoco Luigi Allegretti. La rivendicazione dei Compagni armati per il comunismo rivela che l'agguato aveva per obiettivo un vicino di casa della vittima.
 
12 marzo 1980 Omicidio di Angelo Mancia. A Roma, è ucciso Angelo Mancia, segretario della sezione del Movimento sociale italiano del quartiere Talenti. Rivendicazione dei Compagni organizzati in volante rossa.

12 marzo 1980 Omicidio di Marino Traversa. A Bari, un gruppo armato della galassia dell'estrema destra eversiva irrompe nella sede di un'emittente radiofonica privata per leggere un proclama. Un dj della radio, Martino Traversa, di 21 anni, simpatizzante di destra, reagisce ed è ucciso con colpo di fucile.
 
16 marzo 1980 Omicidio di Nicola Giacumbi. A Salerno, un nucleo delle Brigate rosse uccide Nicola Giacumbi, procuratore della Repubblica.
 
18 marzo 1980 Omicidio di Girolamo Minervini. A Roma, il magistrato Girolamo Minervini, direttore generale degli Istituti di prevenzione e pena, è ucciso da un commando delle Brigate rosse.
 
19 marzo 1980 Omicidio di Guido Galli. A Milano, militanti di Prima linea uccidono il magistrato Guido Galli, giudice istruttore penale.
 
10 aprile 1980 Omicidio di Giuseppe Pisciuneri. A Torino, viene uccisa la guardia giurata Giuseppe Pisciuneri. Rivendicazione delle Ronde proletarie.
 
4 maggio 1980 Omicidio di Emanuele Basile. A Monreale (Palermo), la sera dei festeggiamenti del santo patrono viene ucciso il capitano dei Carabinieri Emanuele Basile. Aveva in braccio la figlia di pochi anni. Si era impegnato in indagini sulla mafia della zona, soprattutto attraverso accertamenti bancari.
 

12 maggio 1980 Omicidio di Alfredo Albanese. A Mestre (Venezia), un commando delle Brigate rosse uccide il commissario capo di pubblica sicurezza Alfredo Albanese.

19 maggio 1980 Omicidio di Giuseppe Amato. A Napoli, l'assessore al bilancio della Regione Campania, il democristiano Giuseppe Amato, è ucciso da un commando delle Brigate rosse.

27 maggio 1980 Omicidio di Vincenzo Totonelli. A Roma, durante una rapina presso un istituto di credito, è uccisa la guardia giurata Vincenzo Totonelli. Rivendicazione di un sedicente Gruppo proletario organizzato armato.

28 maggio 1980 Omicidio di Francesco Evangelista. A Roma, durante il servizio di vigilanza presso il liceo "Giulio Cesare", una pattuglia di pubblica sicurezza è assalita da un commando dei Nuclei armati rivoluzionari; il vicebrigadiere Francesco Evangelista rimane ucciso; due altri agenti di polizia feriti.

28 maggio 1980 Omicidio di Walter Tobagi. A Milano, Walter Tobagi, giornalista del «Corriere della Sera», è ucciso da un commando della Brigata "XXVIII marzo", dell'estrema sinistra.

3 giugno 1980 Omicidio di Antonio Chionna. A Martina Franca (Taranto), durante una rapina in un istituto di credito da parte di militanti di Prima linea, rimane ucciso l'appuntato dei Carabinieri Antonio Chionna.

11 giugno 1980 Omicidio di Giuseppe Valarioti. A Rosarno (Reggio Calabria), è ucciso Giuseppe Valarioti, giovane dirigente comunista, impegnato nella lotta contro la 'ndrangheta.

21 giugno 1980 Omicidio di Giovanni Losardo. A Cetraro (Cosenza), è ucciso Giovanni Losardo, assessore comunale ai lavori pubblici, che si opponeva agli interessi della 'ndrangheta collegati con gli appalti e i subappalti di opere pubbliche.

23 giugno 1980 Omicidio di Mario Amato. A Roma, militanti dei Nuclei armati rivoluzionari uccidono il sostituto procuratore Mario Amato, che indagava sulla destra eversiva.

27 giugno 1980 Strage di Ustica. Alle ore 21 i radar di Fiumicino non registrano le battute dell'Itavia 870, un DC9 in volo tra Bologna e Palermo: l'aereo è caduto in mare a nord di Ustica e fra gli 81 passeggeri, di cui 13 bambini, non vi sono superstiti. Nell'estate del 1986 si inizierà il recupero del relitto e nel giugno del 1987 sul tavolo del giudice istruttore Rosario Priore arriva il dossier completo delle indagini, da cui emerge che il DC9, la sera dell'incidente, aveva volato all'interno di uno scenario di guerra.

13 luglio 1980 Omicidio di Pietro Cerulli. A Palermo, ucciso l'agente di polizia penitenziaria Pietro Cerulli.

2 agosto 1980 La strage alla stazione di Bologna. Nella stazione centrale di Bologna esplode un ordigno causando 85 morti e oltre 200 feriti. Le indagini individueranno i responsabili nell'area dell'eversione di destra.

6 agosto 1980 Omicidio di Gaetano Costa. A Palermo, in via Cavour, ucciso il procuratore capo Gaetano Costa. Aveva firmato da solo, poiché i sostituti procuratori si erano rifiutati di farlo, dei mandati di cattura contro vari mafiosi, tra cui gli Inzerillo, implicati nel traffico di droga. Il delitto è rimasto impunito.

11 agosto 1980 L'attentato a Ippolito Cortellessa e Pietro Cuzzoli. A Viterbo, militanti di Prima linea uccidono due carabinieri che stavano effettuando un controllo di documenti: il maresciallo Pietro Cuzzoli e l'appuntato Ippolito Cortellessa.

28 agosto 1980 Omicidio di Carmelo Janni. Nei pressi dell'aeroporto di Punta Raisi (Palermo), è ucciso l'albergatore Carmelo Jannì. La sua collaborazione con le forze dell'ordine aveva portato all'arresto di mafiosi e del chimico francese André Busquet che raffinava eroina e alloggiava nell'albergo che, dopo la morte del titolare, resterà chiuso per anni.

2 settembre 1980 Omicidio di Maurizio Di Leo. A Roma, militanti dei Nuclei armati rivoluzionari uccidono per sbaglio il tipografo Maurizio Di Leo, al posto di un giornalista del quotidiano «Il Messaggero».

13 settembre 1980 Omicidio di Domenico Giuseppucci. A Roma, è ucciso Franco Giuseppucci, uno dei fondatori e dirigenti della banda della Magliana.

11 ottobre 1980
 Omicidio di Ciro Rossetti. A San Giovanni a Teduccio (Napoli), il giovane operaio Ciro Rossetti è casualmente ucciso in una sparatoria tra clan rivali.

17 ottobre 1980 Sequestro e omicidio di Antonio Colistra. A Siderno (Reggio Calabria), è sequestrato l'avvocato Antonio Colistra, 56 anni. Di lui non si saprà più nulla.

7 novembre 1980 Omicidio di Domenico Beneventano. A Ottaviano (Napoli), è ucciso il segretario della sezione comunista e consigliere comunale Domenico Beneventano. Medico chirurgo, si era impegnato nell'attività politica ed era stato eletto consigliere nelle liste del Pci nel 1975 e riconfermato nel 1980. Si era opposto alle connivenze tra gruppi camorristici e politici locali.

12 novembre 1980 Omicidio di Renato Briano. A Milano, in metropolitana, è ucciso Renato Briano, dirigente del personale della Magneti Marelli; l'omicidio è rivendicato dalle Brigate rosse-colonna "Walter Alasia".

13 novembre 1980 Morte di Claudio Pallone e Arnaldo Fausto Genoino. Nei pressi di Cassino (Frosinone), in un conflitto a fuoco conseguente a una rapina, restano uccisi i brigatisti Claudio Pallone e Arnaldo Fausto Genoino.

26 novembre 1980 Omicidio di Ezio Lucarelli. A Milano, durante una perquisizione in un'officina di carrozzeria, il brigadiere dei Carabinieri Ezio Lucarelli è ucciso da militanti dei Nuclei armati rivoluzionari.

28 novembre 1980 Omicidio di Giuseppe Filippo. A Bari, militanti di Prima linea uccidono l'appuntato di pubblica sicurezza Giuseppe Filippo.

28 novembre 1980 Omicidio di Manfredo Mazzanti. A Milano, membri della colonna "Walter Alasia" uccidono Manfredo Mazzanti, direttore tecnico della Falck Unione.

1° dicembre 1980 Omicidio di Giuseppe Furci. A Roma, militanti delle Brigate rosse-colonna "Walter Alasia" uccidono Giuseppe Furci, medico del carcere di Regina Coeli.

11 dicembre 1980 Morti di Roberto Serafini e Walter Pezzoli. A Milano, in un conflitto a fuoco con i carabinieri sono uccisi i brigatisti Roberto Serafini e Walter Pezzoli.

11 dicembre 1980 Omicidio di Marcello Torre. A Pagani (Salerno), è ucciso l'avvocato e sindaco democristiano Marcello Torre, che si opponeva alle infiltrazioni camorristiche negli appalti per la ricostruzione dopo il terremoto nell'Irpinia.

18 dicembre 1980 Omicidio di Alfio Zappalà. A Zinasco (Pavia), durante una rapina per autofinanziamento, militanti dei Comitati comunisti rivoluzionari uccidono la guardia giurata Alfio Zappalà.

31 dicembre 1980 Omicidio di Riziero Enrico Galvaligi. A Roma, un commando delle Brigate rosse uccide il generale dei Carabinieri Riziero Enrico Galvaligi, responsabile dei servizi di sicurezza degli istituti di prevenzione e pena.