Ministero per i Beni e le Attivita' Culturali-Direzione generale archivi

 
Servizio Archivistico Nazionale
 

Rete degli archivi 'per non dimenticare'

 
cerca nel portale
 

1972

 
 
 
 

11 marzo 1972 Omicidio di Giuseppe Tavecchio. A Milano, nel corso di violenti scontri tra estremisti di destra e polizia, dopo il divieto di una manifestazione della "maggioranza silenziosa", viene occasionalmente colpito a morte mentre transita nelle vicinanze Giuseppe Tavecchio, di 60 anni, pensionato.

15 marzo 1972 Morte di Giangiacomo Feltrinelli. A Milano, muore l'editore Giangiacomo Feltrinelli, ucciso dall'ordigno esplosivo da lui predisposto. Scheda Processo Brigate Rosse e G.A.P. di Feltrinelli (pdf, 344 KB).

5 maggio 1972 Morte di Franco Serantini. A Pisa, mentre manifesta contro un corteo del Msi, negli scontri tra polizia e manifestanti viene gravemente ferito dalle forze dell'ordine lo studente anarchico Franco Serantini, di 21 anni. Incarcerato e privo di assistenza, morirà due giorni dopo.

17 maggio 1972 Omicidio di Luigi Calabresi. A Milano è assassinato il commissario capo di pubblica sicurezza Luigi Calabresi.

31 maggio 1972 La strage di Peteano. A Sagrado di Peteano (Gorizia) muoiono il brigadiere Antonio Ferraro e due carabinieri, Donato Poveromo e Franco Dongiovanni. Altri due carabinieri rimangono gravemente feriti.

7 luglio 1972 Omicidio di Carlo Falvella. A Salerno, in uno scontro tra opposte fazioni, muore lo studente militante del Fuan (organizzazione degli universitari di destra) Carlo Falvella, di 21 anni.

25 agosto 1972 Omicidio di Mariano Lupo. A Parma, militanti neofascisti uccidono Mariano Lupo, di Lotta continua.

21 ottobre 1972 Attentati ai treni per Reggio. Manifestazione nazionale dei sindacati a Reggio Calabria. Un ordigno viene collocato sul treno speciale che porta dal nord i metalmeccanici. Nella notte 10 ordigni provocano danni lungo la linea ferroviaria.

22 ottobre 1972 Attentati dinamitardi. Lungo le linee ferroviarie dirette a Reggio Calabria, dove si svolge una conferenza sindacale di risposta alla rivolta per il capoluogo, sono compiuti numerosi attentati dinamitardi.

27 ottobre 1972 Omicidio di Giovanni Spampinato. A Ragusa, viene ucciso il cronista del giornale «L'Ora» Giovanni Spampinato, di 27 anni. Il delitto è opera del giovane Roberto Cambria, figlio del presidente del tribunale, ed è frutto dei rapporti conflittuali tra neofascisti, servizi segreti e ambienti criminali, su cui Spampinato indagava.

27 dicembre 1972 Omicidio di Giovanni Ventra. A Cittanova (Reggio Calabria), è ucciso da un proiettile vagante Giovanni Ventra, consigliere comunale del Pci, durante un'imboscata a un uomo del clan Facchineri.