Ministero per i Beni e le Attivita' Culturali-Direzione generale archivi

 
Servizio Archivistico Nazionale
 

Rete degli archivi 'per non dimenticare'

 
cerca nel portale
 

Sono stati riportati gli episodi di violenza che hanno dato luogo sia a omicidi intenzionali sia accidentali.
Ne risulta un elenco vario e composito, nel quale gli attentati "mirati" (di carattere politico o mafioso) e la strage preordinata e pianificata a scopo terroristico si alternano alla morte di persone che si trovavano per caso sulla scena del delitto, alla morte come conseguenza di scontri tra avversari politici, all'omicidio per scambio di persona, alla morte in seguito alla repressione di manifestazioni di piazza.
In queste storie vi è un aspetto del nostro passato di cui è bene resti un chiaro e rispettoso ricordo: sarebbe importante riuscire a raccontarle tutte, anche per rendere omaggio a coloro che senza colpa hanno pagato un tributo di sangue. >>>

 
 
  •  
  • 1966

    1966

    24 marzo 1966 Omicidio di Carmelo Battaglia. A Tusa (Messina), è ucciso il sindacalista Carmelo Battaglia. Assessore comunale socialista, faceva parte della cooperativa di pascolo "Risveglio alesino".

    27 aprile 1966 Morte di Paolo Rossi. All'Università di Roma avvengono scontri fra studenti sinistra e di destra; lo studente di sinistra Paolo Rossi, colpito da malore, precipita e muore.

    23 maggio 1966 Omicidio di Bruno Bolognesi. Passo Vizze (Bolzano), rimane ucciso da un ordigno il finanziere Bruno Bolognesi.

    >>>
     
  • 1967

    1967

    2 febbraio 1967 Omicidio di Nicola Mignona. A Campobasso, è ucciso in una sparatoria con un pregiudicato l'appuntato dei Carabinieri Nicola Mignona.

    25 giugno 1967 La strage di Cima Vallona. A S. Nicolò di Comelico (Bolzano), il Fronte clandestino per la liberazione dell'Alto Adige (Bas-Befreiungsausschuss Südtirol) colloca dell'esplosivo su un traliccio, minando l'unica via di accesso: muoiono il capitano dei Carabinieri Francesco Gentile, i paracadutisti Mario Di Lecce e Olivo Dordi e l'alpino Armando Piva.

    30 settembre 1967 L'attentato alla stazione di Trento. Nella stazione di Trento, sul treno Alpen-Express proveniente da Innsbruck, il brigadiere di pubblica sicurezza Filippo Foti e la guardia scelta Edoardo Martini muoiono nel tentavano di disinnescare un ordigno.

    >>>
     
  • 1968

    1968

    2 dicembre 1968 Morti di Avola. Ad Avola (Siracusa), durante uno sciopero di braccianti l'intervento delle forze dell'ordine provoca la morte di due manifestanti, Angelo Sigona e Giuseppe Scibilia, e 48 feriti.

    >>>
     
  • 1969

    1969

    27 febbraio 1969 Morte di Domenico Congedo. A Roma, nel corso di una manifestazione contro la visita di Nixon in Italia, muore precipitando dal cornicione dell'Università occupata, lo studente Domenico Congedo, di 23 anni.

    9 aprile 1969 Morti di Battipaglia. A Battipaglia (Salerno), durante una manifestazione per la chiusura di due stabilimenti che davano lavoro a 800 operai, la folla assalta il municipio. Reparti di polizia aprono il fuoco sui manifestanti. Due morti: Teresa Ricciardi, che si era affacciata al balcone, e Carmine Citro, che era in strada, e decine di feriti.

    27 aprile 1969 Omicidio di Orazio Costantino. Nelle campagne di Altavilla Milicia (Palermo), nel corso di un'operazione per la cattura degli autori di un'estorsione, viene ucciso il carabiniere Orazio Costantino.

    >>>
     
  • 1970

    1970

    18 aprile 1970 Omicidio di Ugo Venturini. A Genova, un comizio del Msi è contestato da militanti di sinistra, che lanciano oggetti contundenti. L'operaio Ugo Venturini, militante del Msi di 30 anni, viene colpito da una bottiglia piena di sabbia lanciata da contestatori. Morirà il 1° maggio.

    luglio 1970-febbraio 1971 Rivolta di Reggio Calabria. Il 15 luglio, a Reggio Calabria, nella notte viene trovato morto il sindacalista della Cgil Bruno Labate. Il 16 luglio inizia la rivolta di Reggio Calabria.

    15 luglio 1970 Morte di Bruno Labate. A Reggio Calabria, durante il secondo giorno di rivolta per il capoluogo regionale, muore il ferroviere Bruno Labate.

    >>>
     
  • 1971

    1971

    16 gennaio 1971 Omicidio di Antonio Bellotti. A Reggio Calabria, nella fase terminale della rivolta per il capoluogo, viene ucciso il poliziotto Antonio Bellotti.

    4 febbraio 1971 Omicidio di Giuseppe Malacaria. A Catanzaro, durante una manifestazione antifascista connessa alla rivolta per il capoluogo, viene ucciso il muratore Giuseppe Malacaria.

    14 febbraio 1971 Omicidio di Giovanni Persoglio Gamalero. A Marina di Pisa un ordigno uccide lo studente universitario Giovanni Persoglio Gamalero.

    >>>
     
  • 1972

    1972

    11 marzo 1972 Omicidio di Giuseppe Tavecchio. A Milano, nel corso di violenti scontri tra estremisti di destra e polizia, dopo il divieto di una manifestazione della "maggioranza silenziosa", viene occasionalmente colpito a morte mentre transita nelle vicinanze Giuseppe Tavecchio, di 60 anni, pensionato.

    15 marzo 1972 Morte di Giangiacomo Feltrinelli. A Milano, muore l'editore Giangiacomo Feltrinelli, ucciso dall'ordigno esplosivo da lui predisposto. Scheda Processo Brigate Rosse e G.A.P. di Feltrinelli (pdf, 344 KB).

    5 maggio 1972 Morte di Franco Serantini. A Pisa, mentre manifesta contro un corteo del Msi, negli scontri tra polizia e manifestanti viene gravemente ferito dalle forze dell'ordine lo studente anarchico Franco Serantini, di 21 anni. Incarcerato e privo di assistenza, morirà due giorni dopo.

    >>>
     
  • 1973

    1973

    23 gennaio 1973 Omicidio di Roberto Franceschi. A Milano, dinanzi all'Università "Luigi Bocconi", è mortalmente ferito alla nuca da un proiettile esploso da un agente di Polizia lo studente Roberto Franceschi, del Movimento studentesco; morirà alcuni giorni dopo senza aver ripreso conoscenza.

    21 febbraio 1973 Omicidio di Vincenzo Caporale. A Napoli, ferito da un candelotto durante un corteo contro la legge sul fermo di polizia, muore qualche giorno dopo lo studente Vincenzo Caporale, di 19 anni.

    12 aprile 1973 Omicidio di Antonio Marino. A Milano, negli scontri fra forze dell'ordine e militanti del Movimento sociale italiano, muore la guardia di pubblica sicurezza Antonio Marino, ucciso da una bomba.

    >>>
     
  • 1974

    1974

    10 gennaio 1974 Omicidio di Angelo Sorino. Nella borgata palermitana di San Lorenzo, è ucciso il maresciallo di polizia in pensione Angelo Sorino, che collaborava con un collega in servizio a un'inchiesta sulla mafia della zona.

    6 febbraio 1974 Omicidio di Nicola Ruffo. A Bari, nel corso di una rapina, è ucciso Nicola Ruffo, un macchinista delle ferrovie dello Stato che tentava di difendere la titolare di una tabaccheria.

    24 marzo 1974 Omicidio di Lucio Terminiello. A Milano viene assassinato l'impiegato Lucio Terminiello, erroneamente ritenuto un poliziotto in borghese, da un esponente della destra extraparlamentare.

    >>>
     
  • 1975

    1975

    24 gennaio 1975 L'assassinio di Leonardo Falco e Giovanni Ceravolo. A Empoli (Firenze), l'estremista di destra Mario Tuti uccide il vicebrigadiere di pubblica sicurezza Leonardo Falco e l'appuntato Giovanni Ceravolo, giunti ad arrestarlo.

    13 febbraio 1975 Sequestro di Tullio De Micheli. A Comerio (Varese), viene rapito l'imprenditore Tullio De Micheli, che non farà più ritorno. Il sequestro è attribuibile ad ambienti mafiosi.

    28 febbraio 1975 Omicidio di Mikaeli (Mikis) Mantakas. A Roma militanti di Potere operaio uccidono Mikaeli (Mikis) Mantakas, militante greco del Fronte universitario d'azione nazionale (Fuan).

    >>>
     
  • 1976

    1976

    5 gennaio 1976 Omicidio di Gerardo D'Arminio. Ad Afragola (Napoli), è ucciso il maresciallo dei carabinieri Gerardo D'Arminio.

    4 marzo 1976 Omicidio di Giuseppe Muscarella. A Mezzojuso (Palermo), è ucciso Giuseppe Muscarella, dirigente dell'Alleanza coltivatori. Aveva promosso una campagna per l'acquisto collettivo di fertilizzanti rompendo il monopolio delle cosche e aveva proposto la costituzione di una cooperativa.

    14 marzo 1976 Omicidio di Mario Marotta. A Roma, è ucciso accidentalmente dalla polizia, che stava inseguendo gli autori dell'attacco all'Ambasciata di Spagna, Mario Marotta, di 52 anni.

    >>>
     
  • 1977

    1977

    18 febbraio 1977 Omicidio di Lorenzo Forleo. A Carpenedolo (Brescia) l'appuntato dei Carabinieri Lorenzo Forleo, nel tentativo di sventare un furto, viene ucciso da estremisti di destra.

    19 febbraio 1977 Omicidio di Lino Ghedini. Sulla strada provinciale per Rho (Milano), durante un pattugliamento, il brigadiere della pubblica sicurezza Lino Ghedini è ucciso da un militante dei Gruppi di azione partigiana.

    11 marzo 1977 Morte di Francesco Lorusso. A Bologna, negli scontri tra forze dell'ordine e studenti di sinistra che contestano un convegno di Comunione e liberazione, è ucciso lo studente di medicina Francesco Lorusso, di Lotta continua.

    >>>
     
  • 1978

    1978

    4 gennaio 1978 Omicidio di Carmine De Rosa. A Piedimonte S. Germano (Frosinone) è ucciso in un agguato Carmine De Rosa, capo dei servizi di sicurezza della Fiat di Cassino. Rivendicazione degli Operai armati per il comunismo.

    7 gennaio 1978 L'agguato di via Acca Larentia. A Roma un gruppo dei Nuclei armati di contropotere territoriale apre il fuoco contro l'ingresso della sezione del Movimento sociale italiano di via Acca Larentia uccidendo due giovani, Franco Bigonzetti e Francesco Ciavatta.

    7 gennaio 1978 Omicidio di Stefano Recchioni. A Roma, negli scontri con le forze dell'ordine che seguono all'agguato di via Acca Larentia, viene ferito a morte il militante di destra Stefano Recchioni.

    >>>
     
  • 1979

    1979

    5 gennaio 1979 Omicidio di Carmelo Di Giorgio e di Primo Perdoncini. A Rizziconi (Reggio Calabria), sono uccisi Carmelo Di Giorgio e Primo Perdoncini, operai della Montresor e Morselli di Verona. Avevano acquistato agrumi dai produttori di Gioia Tauro, turbando il mercato controllato dalla 'ndrangheta.

    10 gennaio 1979 Omicidio di Stefano Cecchetti. A Roma, durante una manifestazione, negli scontri con la polizia muore il giovane di destra Alberto Giaquinto. Nel quartiere Monte Sacro da un'auto in corsa si spara su un gruppo di giovani di destra; muore lo studente Stefano Cecchetti.

    11 gennaio 1979 Omicidio di Filadelfo Aparo. A Palermo, è ucciso il sottufficiale di pubblica sicurezza Filadelfo Aparo, impegnato in indagini di mafia.

    >>>
     
Risultati: 16-30 di 61